Hanno sicuramente usato una smerigliatrice a batteria, pesante, ma non eccessivamente. Il problema è che si siano presi la briga di fare quella difficile salita solo per un gesto dimostrativo. Le cime d’Europa sono piene di croci e temo che tra 50 anni molte saranno fatte sparire o se cadute non saranno ripristinate. Gli allogeni sono presenti anche nei paesini di montagna dove ci si dovrebbe aspettare una comunità ancora ‘pura’, non solo dalla loro presenza ma dalle mode e follie delle ‘dinamiche’ metropoli, Milano in primis dove c’è gente che osserva soddisfatta alcune zone dove non incrocia più italiani e può definirla, così ho udito, ‘finalmente città europea’. Settimane fa ero in un paesino sperduto, c’era un circoletto, una piccola e suggestiva costruzione in legno, ma avevano bevande e qualche leccornia. Nei pressi un campetto da calcio, senza pretese. Ed anche lì c’era il piccolo nero che giocava con gli altri bambini. Lo so che suona cattivo, ed ho un certo fastidio io stesso nel dirlo, ma purtroppo è anche attraverso questi rapporti, di amicizia, sentimentali, e quant’altro, che poi la cosa diventa irreversibile. Come dice il nostro ‘ospite’ nei suoi articoli: l’integrazione uccide ogni giorno a differenza del terrorismo. Un domani quei bambini, italiani, ed i loro genitori, magari non voteranno Salvini o chi verrà dopo di lui per ‘rispetto’ e timore potrebbero nuocere ai loro ‘amici’ di colore. Che magari sono anche brave persone, non c’è solo lo spacciatore/assassino tipo Oshegale, che infatti si è unito ad una italiana a proposito di legami che vengono a crearsi e ci ha regalato due bei neri con cittadinanza italiana, al posto di Pamela, ma non è questo il punto. I bambini poi crescono (fanno sesso e si riproducono naturalmente) ed alla fine dopo generazioni non li smuovi più. In Belgio la situazione drammatica è appena migliore della Francia per il fatto che i musulmani tendono maggiormente a ghettizzarsi, ma in Francia non ci sono mai stati tanti matrimoni misti come negli ultimi anni, sbandierati ovviamente dai traditori europeisti al potere. E torniamo alla nostra croce di Carlit, nei Pirenei, ed alle tante altre presenti sulle montagne di tutta Europa.

Commenti su Via le croci cristiane dai Pirenei per non turbare ‘loro’ di Marte Ultore

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...